Dotto nasolacrimale parzialmente ostruito in lattante

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/08/2013 Aggiornato il 29/08/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: PAKITA
Salve, sono mamma da due mesi e ho riscontrato nel bambino secrezioni oculari di colore giallastro sin dalla nascita. Premettendo che sto provando solo con metodi naturali (acqua sterilizzata e soluzione fisiologica) vorrei, se fosse così gentile, avere un consiglio su come evitare che queste secrezioni peggiorino. Grazie.

Capita sovente nei bambini molto piccoli… perché il dotto nasolacrimale non è ancora completamente pervio (aperto)! Fa benissimo a tenere pulito l'occhio, esegua massaggini di spremitura che le insegnerà il suo pediatra. Se compare congiuntivite o qualche complicanza (secrezioni giallastre specialmente al risveglio) lo faccia vedere al curante perché potrebbe essere necessario un collirio antibiotico per qualche giorno. Se ai nove mesi di età il problema persiste, le consiglio di far valutare il piccolo da un oculista pediatrico per la cura più appropriata. A volte, infatti, è necessario ricorrere alla chirurgia endoscopica.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fimosi del prepuzio in bimbo di sei anni: che fare?

15/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Se la pelle che ricopre il glande è serrata, è opportuno che il bambino impari, dopo il bagno o la doccia, a tirarla dolcemente all'indietro, fermandosi quando avverte dolore. La manovra, se effettuata regolarmente con mano leggera, può servire.   »

Streptococco B: quale cura?

01/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Lo streptococco B individuato in vagina non va curato in modo specifico. Solo al momento del parto rende opportuna la profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti