Epistassi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/08/2013 Aggiornato il 12/08/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: mikyprs
Buongiorno dottoressa, volevo chiederle un consiglio: la mia bimba di 4 anni ha avuto 3 volte il sanguinamento dal naso. L'ultima volta mi sono spaventata un po' di più perché ne usciva in abbondanza: è capitato circa tre giorni fa e da allora ho paura che le capiti durante la
notte e quindi temo di non accorgermene. Mi può dire che cosa potrebbe accadere? Devo farla dormire su un tipo di cuscino particolare? Spero di ricevere presto una sua risposta, grazie molte… Michela Pisicoli

L'epistassi, cioè sanguinamento dal naso, è abbastanza frequente nei bambini, sopratutto in corso di raffreddore o dopo i lavaggi nasali (traumi) o se, vista l'età, hanno l'abitudine di allungare le ditina dentro le narici. Durante il sanguinamento occorre premere sulla narice (compressione), applicare del ghiaccio (vasocostrizione e analgesia) e far fuoriuscire il sangue all'esterno. Pertanto, visto che spesso è secondario a modesti traumatismi, la notte sarà meno soggetta. Se continua a ripetersi, senza altri concomitanti sanguinamenti in altri distretti, Le consiglio di rivolgersi a un otorinolaringoiatra che valuterà la zona del sanguinamento recidivante. Si rivolga al suo medico, invece, se concomitante a sanguinamenti importanti gengivali e/o petechie o ematomi cutanei per gli accertamenti oppurtuni.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti