Gastroenterite

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/01/2013 Aggiornato il 04/01/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: dadani136
Mi chiamo Giuliano e ho un bimbo di 3 anni e mezzo, che da circa due giorni ha vomito e forti gonfiori alla pancia, seguiti da meteorismo. Come possiamo risolvere il problema? Su consiglio del nostro pediatra sta assumendo fermenti lattici e Peridon.

Potrebbe trattarsi di una gastroenterite, diffusa in questo periodo. Concordo con la terapia consigliata dal suo medico. Si dovrebbe risolvere tutto spontaneamente nel giro di qualche giorno. Attenzione se compaiono acetone, ipoglicemia (se non mangia assolutamente nulla), disidratazione (se non reintegra i liquido persi), e se risulta astenico e soporoso. Se compaiono crisi di pianto accompagnate al dolore addominale ricorrente lo faccia visitare subito. Se tutto non si risolve in breve (nel giro di alcuni giorni) va rivalutata la situazione globale visitando il bambino e programmando tutti gli accertamenti del caso.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti