Latte materno e intervalli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/10/2013 Aggiornato il 16/10/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: miriax76
Buongiorno, mio figlio è nato il 1° luglio e l'ho allattato per i primi 2 mesi con una frequenza di circa 3 ore. Durante il
giorno ho avuto non poche difficoltà a mantenere questo ritmo ma durante la notte il piccolo naturalmente manteneva ritmi di 3 ore e mezzo, talvolta anche 4 ore. Da quando ha compiuto 3 mesi però è come se fosse "regredito", nel senso che sia durante il giorno sia di notte chiede il latte ogni 2 ore e spesso anche ogni ora e mezza. Ho notato che si mette le manine in bocca succhiando per quasi tutto il giorno e lo vedo molto più irritabile, inoltre noto anche una maggiore salivazione e piccoli rigurgiti che prima non aveva. Questo è il quadro della situazione e vorrei gentilmente sapere da cosa dipende questo cambiamento e come devo comportarmi per ritornare ad un ritmo corretto di allattamento. Vorrei in particolar modo eliminare almeno la poppata notturna delle 2: pensa sia già possibile? Come devo comportarmi per eliminarla senza arrecare al bimbo troppi traumi? Grazie.

La prima cosa è controllare che non sia calata la produzione del latte. Se il latte c'è, da quanto mi racconta qualche segno di reflusso gastroesofageo (Rge) c'è di sicuro. Nei lattanti il Rge è frequente e di solito transitorio, ma può dare la sintomatologia descritta. Quasi sempre è sufficiente la terapia comportamentale, in casi selezionati una terapia medica (quando il Rge è patologico). Ne parli con il suo pediatra di riferimento. Saluti.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti