Linfoadenomegalia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/03/2013 Aggiornato il 08/03/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: annalisa69
Buongiorno. Sono la mamma di un bambino che compirà fra poco 8 anni. Sono molto preoccupata perché a seguito di un lungo periodo durante il quale il bambino accusava sintomi influenzali la pediatra di riferimento ha consigliato un ricovero in ospedale, avendo riscontrato numerose ghiandole linfatiche con dimensioni maggiori rispetto al normale. Che cosa può significare tutto questo? È qualcosa di grave?

L'aumento di dimensioni dei linfonodi (delle stazioni superficiali e pertanto valutabili con l'esame obiettivo al bambino) è secondario a patologie infettive (più frequenti) o a malattie più serie. Con le poche informazioni che mi dà non posso dire niente di più se non di fare tutti gli accertamenti indicati dal pediatra. Mi aggiorni.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti