Linfoadenomegalia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/03/2013 Aggiornato il 08/03/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: annalisa69
Buongiorno. Sono la mamma di un bambino che compirà fra poco 8 anni. Sono molto preoccupata perché a seguito di un lungo periodo durante il quale il bambino accusava sintomi influenzali la pediatra di riferimento ha consigliato un ricovero in ospedale, avendo riscontrato numerose ghiandole linfatiche con dimensioni maggiori rispetto al normale. Che cosa può significare tutto questo? È qualcosa di grave?

L'aumento di dimensioni dei linfonodi (delle stazioni superficiali e pertanto valutabili con l'esame obiettivo al bambino) è secondario a patologie infettive (più frequenti) o a malattie più serie. Con le poche informazioni che mi dà non posso dire niente di più se non di fare tutti gli accertamenti indicati dal pediatra. Mi aggiorni.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti