Occhio e mare

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/07/2013 Aggiornato il 30/07/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: Paciccia
Mio figlio, 4 anni, ha iniziato stamattina all'improvviso a grattarsi un occhio perché gli era entrato qualcosa. Ho messo delle gocce di colirio rinfrescante (Ottilia), ho fatto qualche impacco con camomilla fredda, ma lui accusa ancora bruciore, ora anche all'altro occhio. Va bene fare dei lavaggi con acido borico o è meglio di no? Siamo
tornati dal mare ieri sera. Grazie. Patrizia

Potrebbe trattarsi di una congiuntivite. Se fosse e domattina ha gli occhietti appiccicosi oltre che gonfi e rossi, usi un collirio a base antibiotica dopo aver sentito la sua pediatra. Se, invece, è monolaterale escluda la possibilità di un corpo estraneo penetrato facendolo vedere al suo medico. Tutto ciò che ha fatto fino ad ora è stato ottimo, ma se non è sufficiente mi sento di dirle che appare fondamentale un consulto medico dal vivo.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti