Olga81 [uid:1570]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/09/2012 Aggiornato il 07/09/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: Olga81
Salve, vorrei sapere se e quante volte al giorno si può usare il sondino rettale. Ho un bimbo di 7 giorni.
Grazie
Olga

Il sondino rettale si usa nel neonato/lattante per stimolare l'evacuazione in caso di mancata evacuazione spontanea o in caso di coliche gassose se l'addome è particolarmente disteso. Personalmente lo consiglio in genere dopo 48 ore di mancata evacuazione se non ci sono altri sintomi o anche giornalmente se il bimbo è sintomatico (inappetente, piange eccetera) per il tempo necessario.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti