Petto carenato/petto escavato

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/09/2012 Aggiornato il 14/09/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: Hershey
Buongiorno, sono la mamma di una bambina di 3 anni; l'altra sera durante il
bagnetto ho notato che il suo petto ha una sporgenza lieve dello sterno
verso sinistra (non molto visibile). Vorrei sapere se è una cosa di cui preoccuparsi oppure se è una piccola malformazione genetica, dato che mio papà e mio fratello hanno anche loro delle sporgenze al petto. Sono molto preoccupata! Cordiali saluti

Salve, esistono anomalie dello sterno (spesso esiste familiarità e si possono fare più evidenti con la crescita) anche asimmetriche: petto escavato (in meno) o petto carenato (in più) da mettere in diagnosi differenziali con altre anomalie non solo scheletriche ma anche di lesioni dei tessuti molli. La faccia comunque vedere al suo pediatra (non vedendo la bimba non posso dirle con certezza di che cosa si tratta) che le consiglierà se è opportuno fare una visita specialistica.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti