Prurito genitali

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/11/2012 Aggiornato il 23/11/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: martiedani
Mi chiamo Cristina e ho un bimbo di 5 anni, che da circa due settimane accusa prurito a volte insistente nella zona dei testicoli. A prima vista non sono evidenti escoriazioni, arrossamenti o quant'altro. Mio figlio si gratta brevemente ma di continuo. Anche la nostra pediatra non osserva nulla di particolare e pensa possa essere dovuto a uno sviluppo precoce… Cosa ne pensa? Grazie

Se il prurito è limitato allo scroto cerchi di lavarlo con detergenti intimi idonei all'età di suo figlio e di cambiare spesso la biancheria intima. Se è insistente può alleviarlo con alcune gocce di antistaminico. Bisogna però anche escludere allergie a detergenti o tessuti. Se nonostante queste accortezze il prurito continua, il bambino va visitato osservando con estrema attenzione i genitali esterni per una corretta diagnosi. Se poi il prurito si estende anche verso la zona perianale, va verificata la presenza di parassiti fecali.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La “piaghetta” del collo dell’utero ostacola il concepimento?

05/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ectropion della cervice non ostacola la possibilità di dare inizio a una gravidanza.   »

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti