Reflusso gastroesofageo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/08/2012 Aggiornato il 28/08/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: Rossy
Buonasera dottoressa, sono la mamma di un bimbo di 20 giorni. Da qualche settimana ho notato che sembra avere del catarro in gola. Russa, fa versi gotturali e conati. Di notte la situazione peggiora e sono tre giorni che non riesce a riposare per più di mezz'ora. Secondo me perché è disturbato. Il naso glielo tengo pulito con la soluzione fisiologica, il mio pediatra lo ha visitato e dice che le vie respiratorie sono libere. Ma allora perché fa così? Sembra si soffochi, addirittura a volte non riesce a rimanere attaccato al seno. Spero in una sua risposta. Cordiali saluti. Rossana

Il neonato potrebbe soffrire di reflusso gastroesofageo, perché tutto ciò che descrive mi riporta a questo. Ne parli con il suo pediatra che le consiglierà la giusta terapia comportamentale per il sonno (posizione a trenta gradi supino) e per una corretta alimentazione e valuterà se è opportuno, in base ai sintomi e alla crescita, prescrivere dei farmaci (solo nel reflusso gastroesofageo patologico). 

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti