Reflusso gastroesofageo neonato

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/11/2013 Aggiornato il 12/11/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: cris.r84@hotmail.it
Salve, ho un bimbo di 40 giorni e sono un po' di giorni che mentre lo allatto lui piange improvvisamente. Lo fa solo durante le poppate del giorno, di notte invece non capita. Vorrei capire cos'è che lo disturba. La ringrazio.

Potrebbe trattarsi di reflusso gastroesofageo considerato il pianto durante la poppata… Relativamente frequente nel lattante soprattutto se inarca anche la schiena durante il pianto. Di solito è transitorio ma è bene che ne parli con il suo pediatra. Terapia comportamentale da subito: dormire supino a trenta gradi, mangiare lento, favorire il ruttino… E solo in casi selezionati terapia farmacologica dopo consulenza medica se il reflusso diventa da fisiologico a patologico (ridotta crescita, vomito frequente anche ad ore dalla poppata, pianto inconsolabile ripetuto)!

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Placenta vicina all’OUI: potrebbe allontanarsi?

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel corso della gravidanza la placenta può spostarsi dall'orifizio uterino in quanto l'utero gradualmente si distende in lungo e in largo  »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti