Stipsi in neonato

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/04/2013 Aggiornato il 23/04/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: delux
Buon pomeriggio, sono una neomamma disperata, perché la mia bimba di soli 2 mesi e una settimana, ancora non riesce a fare bene la popò. Si sforza, urla, diventa rossa, e alla fine, 24 ore dopo dall'ultima popò, mi sento costretta a farle un po' di microclisma. Altre mamme mi consigliano di darle un cucchiaio di pera frullata per ammorbidire lo stomaco. Che cosa devo fare? Grazie per la sua disponibilità e gentilezza.

Salve, non ha precisato però se la bambina prende il latte materno o quello artificiale. Non mi dice inoltre se il meconio è stato regolare o ritardato. Per la frutta è ancora troppo presto. Va bene invece il microclisma in caso di necessità, ma senza esagerare; meglio provare a stimolarla prima con il sondino rettale. Nel complesso, ho troppe poche informazioni per essere più precisa. Le consiglio di parlarne con il suo pediatra.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti