Stridore laringeo in lattante con sospetto RGE

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/09/2013 Aggiornato il 23/09/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: Pandino
Buongiorno. Mia figlia di 6 mesi e mezzo l’altra sera prima di cena mi ha fatto prendere un grosso spavento. La stavo cambiando sul fasciatoio quando a un certo punto ha emesso una specie di singhiozzo (anche se tale non era), era un suono tipo quello della foca e sembrava quasi le mancasse il respiro. La bimba però respirava e non era paonazza in volto né si dimenava. L’ho tirata su, dato qualche colpetto sulla schiena e non l'ha piu fatto. Allora l’ho riposizionata sul fasciatoio e ha di nuovo fatto quel verso che le dicevo. Per mia madre si tratta di un tipo di verso che la bambina fa nel tentativo di
parlare/giocherellare. Questo episodio si è presentato anche altre 2 volte e quindi, allarmata, ho subito chiamato la mia pediatra di fiducia, che mi ha rassicurata dicendo che si tratta probabilmente di “una bolla d’aria”. La cosa però mi preoccupa alquanto. Le posso dire che in tutti i casi dopo aver fatto quel verso mia figlia ha fatto un ruttino. Può esserci un collegamento? Attendo fiduciosa un suo parere. La ringrazio.

Salve, da quanto mi racconta potrebbe trattarsi di uno stridore laringeo. Potrebbe essere anche dovuto al reflusso gastroesofageo (è successo quando era sdraiata e poi mi scrive che ha fatto il ruttino). Di solito migliora progressivamente e scompare con la crescita. Controlli che la bambina abbia una crescita regolare e che respiri bene. Le mie sono solo considerazioni teoriche vista la storia, ma per una diagnosi di certezza è fondamentale conoscere e visitare la bambina. Saluti.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti