Vomito

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/03/2013 Aggiornato il 04/03/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: Tamy
Buonasera dottoressa. Sono la mamma di Thiago, 4 mesi, 7 kg, nato di 3.070 g x 59 cm. Non ha mai avuto problemi a parte le coliche, che stanno passando. 10 giorni fa, però, per 4-5 giorni ha vomitato tanto dopo ogni poppata. La nostra pediatra ha detto che forse si trattava di gastrite o gastroenterite ma dagli esami delle urine non è emerso nessun problema. Ora il problema si è ripresentato. Thiago ha ripreso a vomitare tanto dopo ogni poppata e ha semppre fame. È normale o sarebbe consigliabile fare altri esami? Grazie

Ho pochi elementi per valutare e non conosco il bambino e la sua storia. Reflusso gastroesofageo? Altro? Se continua a vomitare è il caso di indagare. Controlli alvo (se si scarica regolarmente), se ha crisi di pianto e crescita regolare nelle ultime settimane. Due sono le cose importanti: la prima, valutare nella fase acuta che non si disidrati con il vomito ripetuto e se ha crisi di pianto importanti farlo vedere subito dalla pediatra e la seconda, studiare il perché degli episodi, soprattutto se si intensificano e sono duraturi.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti