Chiusura delle tube: l’ovulazione avviene ugualmente?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 27/12/2022 Aggiornato il 27/12/2022

L'intervento di sterilizzazione che prevede la legatura delle tube non interferisce con l'ovulazione e con i fenomeni a essa correlati.

Una domanda di: Donata
Salve dottore, volevo un’informazione: io un anno e mezzo fa ho avuto il mio 4° bambino con taglio cesareo. Ho effettuato la sterilizzazione tubarica e ad oggi quando ovulo ho perdite molto abbondanti che non ho mai avuto prima. Ho 30 anni e volevo sapere se con queste perdite posso stare tranquilla con l’intervento che ho fatto! La sterilizzazione consente l’ovulazione? Grazie mille anticipatamente e tanti auguri di buon Natale.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, la sterilizzazione tubarica, indipendentemente dalla tecnica utilizzata, non altera in nessun modo la funzionalità ovarica quindi lascia intatta l’ovulazione e tutti i fenomeni a essa correlati (semissione del muco fertile compreso) . Appare pertanto normale quello che lei riferisce in termini di sensazioni e riscontro di secrezione in fase ovulatoria. Qualora tali secrezione fossero modificate in termini di odore, colore potrebbe essere utile effettuare un tampone vaginale, per escludere la presenza di germi patogeni e, quindi, di un’infezione. Sperando di essere stato utile, la saluto con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti