Cisti ovarica e prima pillola dimenticata

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 03/12/2020 Aggiornato il 03/12/2020

Aver assunto in ritardo la pillola con estroprogestinici prescritta per la cura delle cisti ovariche non compromette il risultato.

Una domanda di: Chiara
Ho 21 anni e da un anno assumo la pillola Jasmin datami per una ciste all’ovaio che dall’ultima visita si è riassorbita, fortunatamente. Dovevo completare la cura con un ultimo blister, ma ho dimenticato accidentalmente di prendere la prima pillola e quindi ho posticipato l’assunzione di un giorno. Questa svista può provocare il riformarsi della cisiti? Inoltre volevo chiederle se facendo una cura di questo tipo le cisti possono riformarsi ancora oppure esiste una percentuale molto bassa che questo possa accadere ? La ringrazio.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno gentile Chiara, l’uso della pillola per ridurre formazioni cistiche funzionali (cioè legate alla attività ovarica spontanea) è consolidato e routinario.
Avere assunto una compressa in ritardo non modifica l’effetto.
La possibilità che una volta risolto il problema si ripresenti è molto bassa, ma non puo’ essere esclusa per la intrinseca funzione ovarica, che prevede in assenza di terapia ormonale contraccettiva la formazione mensile di follicoli. Questi ultimi talvolta possono trasformarsi in piccole formazioni cistiche.
Sperando di essere stato utile, la saluto con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti