Cistite e gravidanza

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 28/03/2021 Aggiornato il 28/03/2021

Una gravidanza può proseguire tranquillamente anche se la futura mamma ha la cistite.

Una domanda di: Melissa
A novembre ho avuto un aborto spontaneo per via di un’infezione troppo forte alle urine. Adesso ho riprovato ad avere di nuovo
un bambino ma già dal giorno dopo dal presunto concepimento ho di nuovo la cistite. In pratica ogni volta che vengo a contatto con il liquido seminale mi fa
questo effetto com’è possibile? C’è da specificare che durante il rapporto
anche nei mesi scorsi un po’ ci è andato! Ma nulla di che! Quindi ogni volta
che potrebbe essere iniziata una gravidanza potrebbe anche essersi sviluppata un’infezione.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
ci sono dei punti poco chiari in quanto mi riferisce, per esempio cosa significa che durante i rapporti sessuali un po’ di liquido seminale “ci è andato”? Credo che se lei pensa di aver concepito vada da sé che ci sia stato contatto con il liquido seminale del suo partner. Comunque sia, un’infezione delle vie urinarie, tra cui la cistite, che si può controllare a casa non provoca aborti. Solo gravi infezioni delle vie urinarie, che coinvolgono per esempio reni e ureteri, e richiedono il ricovero ospedaliero e forti dosi di antibiotico potrebbero (!), ma non sempre accade, causare l’interruzione della gravidanza. Una cistite dopo il rapporto sessuale richiede in prima batuta che anche il partner si sottoponga a delle indagini per eventualmente individuare un’infezione. A volte invece può essere una semplice reazione “da contatto”, magari anche dovuta a una modalità troppo vigorosa. Sta di fatto che deve rivolgersi a un urologo per scoprire grazie al suo aiuto come stanno realmente le cose. Stia comunque tranquilla perché anche se fosse iniziata una gravidanza potrebbe proseguire anche con la cistite. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti