Claritromicina: diminuisce l’efficacia dell’anello contraccettivo?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 30/06/2023 Aggiornato il 30/06/2023

Dagli studi condotti, non è emerso che l'assunzione dell'antibiotico claritromicina diminuisca l'efficacia dei contraccettivi a base di estroprogestinici.

Una domanda di: Angelica
Salve,
uso nuvaring da 5 mesi senza problemi. Questo mese, durante i 7 giorni di sospensione, mi sono trovata costretta a prendere Veclam 500 mg
(claritromicina) per 10 giorni (fino a domenica 25). Giovedì metterò il nuovo anello.
Volevo sapere: questo antibiotico (e i macrolidi in generale) può diminuire l’efficacia dell’anello?
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Angelica,
gli studi disponibili non documentano una diminuzione dell’efficacia dei contraccettivi di tipo estroprogestinico associata all’assunzione di claritromicina.
Questo antibiotico potrebbe rallentare il metabolismo degli ormoni rilasciati dall’anello vaginale, aumentando la loro concentrazione nel sangue. La rilevanza clinica di questo tipo di interazione è sconosciuta e verosimilmente di scarsa importanza. Non è da escludere che possa esserci un maggior rischio di comparsa di alcuni effetti collaterali (per esempio nausea, mal di testa, vampate, dolorabilità mammaria).
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti