CMV e rischio di trasmissione

Professor Matteo Bassetti A cura di Professor Matteo Bassetti Pubblicato il 17/09/2020 Aggiornato il 17/09/2020

Il citomegalovirus si trasmette quando l'infezione di cui è responsabile è in fase attiva e fino a 7-10 giorni dalla scomparsa dei sintomi con cui si manifesta.

Una domanda di: Letizia
Scrivo per questo: ho un bimbo di due mesi e mezzo e mia cognata, che ha appena partorito, è risultata essere positiva al citomegalovirus (per il suo piccolo si sta indagando).
Frequentando lei/casa loro, ci sono rischi di contagio?
Potrei prenderlo anch’io e trasmetterlo al mio bimbo che sto allattando?
Quali precauzioni sarebbe giusto prendere?
Grazie molte.
Matteo Bassetti
Matteo Bassetti

Gentile signora,
essere positivi al Citomegalovirs (CMV) può voler dire di avere la sierologia positiva con IgG e/o IgM. Se sono presenti le IgG si tratta di una infezione pregressa senza rischi di trasmettere infezione. Se sono presenti le IgM occorre vedere se ci sono sintomi compatibili e eventualmente la contagiosità si ha per circa 7-10 giorni dalla fine dei sintomi. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti