CMV in gravidanza: che fare?

Dottoressa Sara De Carolis A cura di Dottoressa Sara De Carolis Pubblicato il 01/04/2022 Aggiornato il 01/04/2022

L'infezione da citomegalovirus, se contratta in gravidanza, può provocare danni gravi al bambino.

Una domanda di: Lara
Salve sono alla 13esima settimana di gravidanza e sono risultata positiva al citomegalovirus. Valori dna rilevato <3.45×10*1 UI/ml IgG 9.43 U/ml; IgM 112 U/ml. Cosa mi aspetta? Cosa devo fare? La ringrazio.
Sara De Carolis
Sara De Carolis

Gentile Lara, in un caso come il tuo ci sono probabilità non basse che il virus passi al feto e possa determinare dei danni. Dovrai essere valutata in un centro per la diagnosi prenatale. Io lavoro presso il Policlinico Gemelli, dove abbiamo un Day Hospital dedicato alle gravidanze con problemi simili al suo. Se sei interessata, ti potrei fare avere i contatti. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti