Coito interrotto e concepimento

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 04/01/2021 Aggiornato il 04/01/2021

Il coito interrotto non è un metodo anticoncezionale sicuro.

Una domanda di: Iris
Ciao a tutti ho avuto un rapporto non protetto sei giorni dopo l’arrivo della mestruazione, con coito interrotto. Lui è sicuro di essere uscito in tempo, non ho messun ritarto ho un ciclo di 30 giorni preciso, ma di solito avevo il seno dolorante 1 settimana prima ora no, devo preoccuparmi? Aiuto vi prego.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile Iris,
non so francamente come aiutarla, se non dicendole che occorre aspettare di vedere se la mestruazione arriverà. In caso contrario dovrà fare il test di gravidanza. E’ possibile, infatti, dare inizio a una gravidanza anche con la modalità che lei mi ha riferito (coito interrotto). L’assenza dei sintomi premestruali non può essere considerata un segnale di inizio gravidanza. Mi permetto di consigliarle di ricorrere a una contraccezione sicura: al riguardo può parlarne con il suo ginecologo di fiducia. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni sulla pelle dopo il vaccino anti-Covid

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Rocco Russo

Le eventuali reazioni locali all'inoculazione del vaccino possono essere controllate con pomate a base di antistaminico.  »

Feto un po’ più grande rispetto all’atteso

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

La gravidanza può essere ridatata grazie a quanto rilevato con la prima ecografia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti