Collo dell’utero a 24 mm in 24^ settimana di gravidanza: ci sono rischi?

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 03/04/2024 Aggiornato il 16/04/2024

Verso il termine del secondo trimestre, il riscontro ecografico di una cervice di lunghezza pari a 24 millimetri non esprime nulla di cui preoccuparsi, anche se suggerisce l'opportunità di un ulteriore controllo ravvicinato.

Una domanda di: Silvia
Sono a 24 settimane + 3 giorni di gestazione e durante un controllo di routine la mia ginecologa si è accorta che ho il collo dell’utero di 24 mm. Mi ha prescritto ovuli di magnesio, da integrare con magnesio per bocca che già prendevo anche se in dose ridotta (entrambi DAV, prendevo una compressa anziché 2). Mi ha detto che non è allarmante per ora, e che ci rivedremo tra una settimana. Mi fido molto di lei, è una grande professionista, ma sono anche abbastanza agitata perché da quanto ho capito l’utero non può riallungarsi, e si può solo sperare rimanga com’è per qualche settimana. La mia è già da considerarsi gravidanza a rischio? Inoltre ho iniziato a sentire la zona del basso ventre (sotto l’ombelico) più tesa, ma per fortuna senza crampi. Si tratta di contrazioni? Sarebbe meglio andare in pronto soccorso o attendo di rivedere la mia dottoressa tra una settimana?
Aggiungo che fino ad ora ho avuto una gravidanza perfetta, senza altri problemi.
Grazie in anticipo.

Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Silvia,
le rispondo con il mio abituale buon senso clinico senza sapere se ha già avuto una precedente gravidanza a termine e senza poterla visitare. Il riscontro ecografico di 24mm non ci dice nulla di preoccupante. Perché nella mia esperienza è più valido il riscontro alla visita pelvica della consistenza del collo dell’ utero ad informarmi sulla robustezza cervicale. Se l’avessi in cura programmerei, come ha fatto la sua ginecologa, una visita dopo 2 settimane anziché le 4 canoniche dei controlli ostetrici e controllerei che esame urine e urinocoltura siano impeccabili e che un indice di flogosi, la PCR nel sangue, sia nella norma.
Se tutti questi riscontri fossero negativi non prescriverei alcuna terapia perché il quadro rientraerebbenelle normali variazioni cervicali durante la gravidanza.
Spero di averla rassicurata e di aver visto nel modo giusto.
Un saluto molto cordiale.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti