Collo dell’utero accorciato: c’è da preoccuparsi?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 05/07/2021 Aggiornato il 05/07/2021

Quando la lunghezza della cervice è inferiore a quella che dovrebbe essere, è necessario seguire con attenzione le prescrizioni del ginecologo, per evitare il rischio di parto anticipato.

Una domanda di: Melissa
Salve, ieri ho fatto la morfologica sono a 20+4. Il mio bambino sta bene solo che mediante un’eco interna mi è stato trovato il collo del utero accorciato di 24 mm. Il ginecologo mi ha detto riposo assoluto e mi ha dato degli ovuli e delle capsule da prendere, adesso io mi chiedo il collo del utero a 24 mm è troppo corto: mi devo preoccupare?

Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, il valore di misura della lunghezza cervicale di 25 mm è la soglia per prendere dei provvedimenti come quelli prescritti. Il rischio è quello di un parto che avvenga anzitempo, per cui invece di preoccuparsi (o chiedersi se si deve preoccupare o no), stia attenta alla presenza di altri sintomi come perdite vaginali strane o contrazioni che dovrà subito riferire al suo ginecologo ed esegua scrupolosamente tutti i controlli che le sono stati prescritti. Preoccuparsi, infatti, non serve a niente, seguire con attenzione i suggerimenti dei medici invece aiuta. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti