Collo dell’utero accorciato: c’è da preoccuparsi?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 05/07/2021 Aggiornato il 05/07/2021

Quando la lunghezza della cervice è inferiore a quella che dovrebbe essere, è necessario seguire con attenzione le prescrizioni del ginecologo, per evitare il rischio di parto anticipato.

Una domanda di: Melissa
Salve, ieri ho fatto la morfologica sono a 20+4. Il mio bambino sta bene solo che mediante un’eco interna mi è stato trovato il collo del utero accorciato di 24 mm. Il ginecologo mi ha detto riposo assoluto e mi ha dato degli ovuli e delle capsule da prendere, adesso io mi chiedo il collo del utero a 24 mm è troppo corto: mi devo preoccupare?

Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, il valore di misura della lunghezza cervicale di 25 mm è la soglia per prendere dei provvedimenti come quelli prescritti. Il rischio è quello di un parto che avvenga anzitempo, per cui invece di preoccuparsi (o chiedersi se si deve preoccupare o no), stia attenta alla presenza di altri sintomi come perdite vaginali strane o contrazioni che dovrà subito riferire al suo ginecologo ed esegua scrupolosamente tutti i controlli che le sono stati prescritti. Preoccuparsi, infatti, non serve a niente, seguire con attenzione i suggerimenti dei medici invece aiuta. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti