Collo dell’utero raccorciato in 18ma settimana: è opportuno assumere progesterone?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 07/09/2022 Aggiornato il 07/09/2022

A partire dal secondo trimestre di gravidanza la placenta è perfettamente in grado di fabbricare il progesterone da sé, per cui è realmente improbabile che se ne verifichi una carenza tale da suggerire di assumerlo.

Una domanda di: Alessandra
Salve, a 18 settimane la ginecologa mi ha effettuato per la prima volta la cervicometria e ha scritto sul referto cervicometria 35 mm senza dire nulla, ora sono a 20 settimane e avendo avuto delle perdite anomale sono andata da un’altra ginecologa e ho chiesto di misurarmi anche il collo dell’utero che è risultato 28 mm. Mi ha detto che solitamente viene dato progesterone, ma avendo un ectropion peggiorerebbe la situazione quindi mi ha dato solo magnesio e mi ha detto di evitare sforzi e sdraiarmi quando sento la pancia dura. Io sono molto preoccupata perché mia sorella per entrambe le gravidanze ha avuto lo stesso problema, in un’epoca più avanzata e ha partorito pretermine in entrambi i casi, invece le due ginecologhe che mi hanno vista mi hanno detto di non preoccuparmi e controllare fra un mese. Secondo lei posso davvero stare tranquilla? Sarebbe opportuno assumessi progesterone? Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, mi incuriosisce il termine “perdite anomale”… Non credo il suo raccorciamento cervicale fosse solo “colpa” dell’ectropion! L’ectropion o piaghetta è un termine che può spaventare ma in realtà stiamo parlando della mucosa normale che riveste l’interno del collo dell’utero e che in taluni casi ricopre anche la sua parte esterna (quella che guarda il canale vaginale per capirci). Magari era proprio un’infezione vaginale la responsabile di queste perdite? Mi sembra un dato rilevante che potrebbe aver influito su questo raccorciamento del collo uterino. Chiaramente, solo chi l’ha visitata può essersi resa conto delle caratteristiche di queste perdite e della probabilità che fossero spia di una qualche infezione. Tra l’altro la sua cervice ha una misura che si potrebbe definire “borderline” ossia a metà strada tra la normalità e la patologia. Se fosse stata di 25 millimetri, sarebbe stata certamente patologica ma essendo di 28 millimetri possiamo essere fiduciosi e ottimisti che, in assenza di contrazioni uterine (simili ai dolori mestruali o a mal di schiena a livello lombare per intenderci) possa nel tempo ritornare alla misura originaria di 35 millimetri. Anche se può sembrare strano, il collo dell’utero è decisamente elastico non solo al parto ma anche durante la gravidanza e non è infrequente che possa raccorciarsi per esempio in caso di infezione vaginale oppure in seguito a contrazioni uterine, così come ridistendersi e raggiungere una misura di 40 millimetri e anche più. Concordo quindi sull’indicazione che le è stata data di evitare sforzi fisici e assumere magnesio. Forse ha senso effettuare un tampone vaginale, se non le fosse ancora stato proposto. Quanto al progesterone, da noi in Italia lo si utilizza con molta disinvoltura, mentre in altri paesi (ad esempio il Regno Unito) quasi non lo considerano. In effetti, a quetso punto della gravidanza la sua placenta dovrebbe essere diventata ormai esperta nel fabbricarlo autonomamente e quindi è improbabile che lei abbia una vera e propria carenza di questo ormone. Da noi lo si prescrive volentieri, così come un tempo si utilizzava la Vasosuprina per la minaccia di parto prematuro … anche i farmaci hanno le loro mode! Mi sembra importante tener presente la sua storia familiare (ossia i parti prematuri di sua sorella) anche se non mi lascerei condizionare da questo precedente per stabilire di aver bisogno delle stesse terapie: ognuno di noi è diverso e ogni gravidanza è a sé. Immagino lei sia al suo primo figlio e che non sia così impossibile restare a riposo (non a letto, ovviamente, ma facendo tutto con calma) …dico bene? Anche questo è un bel vantaggio. Quanto all’opportunità di rivedersi dopo un mese con la Curante, direi che condivido a patto che lei non avverta contrazioni uterine (ossia la pancia che si indurisce di frequente, magari anche in assenza dolore) altrimenti sarebbe consigliabile un controllo a non oltre due settimane di distanza. Resta inteso che se ha contrazioni dolorose o molto frequenti, perdite vaginali anomale (che siano di muco, liquido o sangue) o altri sintomi per lei insoliti, è utile recarsi in un pronto soccorso ostetrico per monitorare il benessere suo e del suo piccolo. Specialmente alla prima gravidanza, meglio un controllo in più che uno in meno! Spero di averla rincuorata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti