Coltello della pizza e paura della toxoplasmosi

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 02/03/2021 Aggiornato il 02/03/2021

E' davvero improbabile che la toxoplasmosi venga trasmessa attraverso un coltello con cui è stata tagliata una pizza con verdure e affettati.

Una domanda di: Sara
Gentile dottoressa, le scrivo perché mi è venuto un dubbio. Solo alla 33ma settimana di gravidanza ed oggi ho mangiato un po’ di pizza al taglio. Solo
dopo averla mangiata mi è venuto il dubbio tutta la pizza presente sul bancone, anche quella con affettati o verdura cruda, viene tagliata con lo
stessa paletta. Ci sono possibilità di aver contratto la toxoplasmosi in
questo modo? La prego mi dica qualcosa perché sono molto in ansia. La
ringrazio, distinti saluti.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, direi di non essere in ansia perché le probabilità di contrarre la Toxoplasmosi come lei ha descritto rasentano lo zero (mai dire mai in medicina!) e poi, essendo lei a 33 settimane di gravidanza, quand’anche dovesse aver contratto l’infezione in questo modo così improbabile, lo verrebbe a sapere con i prossimi esami del sangue (meglio farli a 36/37 settimane insieme al tampone vagino-rettale così ora del parto non saranno troppo “datati”) e ci sarebbe tutto il tempo per intervenire con la terapia farmacologica appropriata.
Tenga presente poi che l’infezione da Toxoplasmosi si trasmette attraverso l’ingestione di frutta e/o verdura contaminata da terra contenente a sua volta feci di gatto infetto…in una pizzeria mi auguro che gli standard igienici siano rispettati!
Resta a mio avviso solo il “problema” del contatto della paletta con gli affettati crudi ma, anche lì, solitamente la pizza viene tagliata quando è rovente e il calore (sopra i 60 gradi centigradi se ben ricordo) neutralizza il Toxoplasma…
Spero di averle dato elementi sufficienti per abbandonare la sua ansia e non aver troppi rimorsi per aver mangiato la pizza, a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni sulla pelle dopo il vaccino anti-Covid

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Rocco Russo

Le eventuali reazioni locali all'inoculazione del vaccino possono essere controllate con pomate a base di antistaminico.  »

Feto un po’ più grande rispetto all’atteso

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

La gravidanza può essere ridatata grazie a quanto rilevato con la prima ecografia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti