Come evolverà la mia gravidanza?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 31/01/2022 Aggiornato il 07/02/2022

Purtroppo se la natura stabilisce che una gravidanza non debba proseguire, non c'è nulla che si possa fare per impedire che si interrompa.

Una domanda di: Sara
Ho 34 anni, sono alla seconda gravidanza (prima gravidanza fisiologica, parto naturale a termine senza nessuna complicanza 2 anni fa – aborto spontaneo a 9 settimane 4 mesi fa) A 10 +4 settimane sono stata in ps per dolori all’utero con perdite di sangue rosso vivo mi hanno fatto una eco e mi hanno detto di non preoccuparmi che andava tutto bene, il bimbo c’era e il cuore batteva, mi fanno tranex in vena e mi dimettono con progeffik 200 mg (1 al giorno) e niente sollevamento pesi. A 11+2 passo una visita ostetrica nella quale mi si dice che va tutto bene, il bimbo c’è il cuore batte e se non ho più perdite di finire la scatola di progeffik 200 (1 al dì) e non sollevare pesi e stare tranquilla. A 11+4 mi reco in ospedale per fare l’eco con translucenza nucale e la dottoressa mi chiede che cura stessi facendo per mancato accollamento che vede e se fossi allettata, io cado dalle nuvole perché non so di cosa sta parlando e le spiego che ultimamente sto facendo ovuli di progesterone per delle perdite che avevo avuto la settimana precedente, che però erano smesse e che dovevo appunto finire i sette ovuli che rimanevano nella scatola, che non dovevo fare sollevamento pesi e che la prossima visita la avevo tra un mese. A quel punto la dottoressa mi dice che ho un mancato accollamento di 34x16x22 mm e che dovrei fare il progesterone (sempre progeffik 200mg/1 al dì) per almeno altri 30 giorni e quindi fino alla prossima visita e che dovrei stare a riposo assoluto. Ora, tralasciando il fatto che sono sola tutto il giorno con una bimba di 2 anni e mezzo e che per me riposo assoluto è quasi impossibile, mi domandavo perché non mi sia stato detto niente alla visita effettuata 2 giorni prima? Possibile che la ginecologa non abbia visto lo scollamento? E perché mi sono stati consigliati 2 approcci differenti come terapia per risolvere la cosa? Quanto dovrei preoccuparmi che la cosa possa non risolversi e evolversi in peggio? Grazie per la cortese attenzione.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Cara signora, la gravidanza è un evento biologico evolutivo che anche a distanza di ore può non essere identico a se stesso. Una volta compreso questo potrà rendersi conto che in una situazione di minaccia d’aborto come lei ha così ben descritto, la valutazione ecografica osserva quello che vede in quel specifico momento. La minaccia d’aborto è caratterizzata dalla iper contrattilità uterina associata a dolore pelvico alla presenza o meno di sanguinamento vaginale alla presenza o meno di area di distacco coriale. In ogni caso in presenza di minaccia di aborto sono necessario riposo, antispastici se necessario e terapia progestinica. Per quanto riguarda il riposo non è mai stato dimostrato che se è assoluto è anche garanzia di buon proseguimento della gravidanza. Basta non fare sforzi, rallentare i ritmi, insomma “riguardarsi”, concedendosi delle pause nell’arco della giornata. Sappia che il riposo assoluto, nel senso di stare a letto sempre, oltre a non servire potrebbe addirittura essere controproducente in relazione alla circolazione del sangue a livello degli arti inferiori. Mi permetto una riflessione: credo che quando si danno indicazioni alle pazienti si debba comunque tenere conto della loro situazione oggettiva: lei si deve occupare di una bimba di due anni, faccia quel che può tenendo conto che se la natura decide che una gravidanza deve interrompersi non c’è nulla che si possa fare per evitarlo. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che rifiuta la mamma

03/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non basta aver messo al mondo un bambino per diventare la figura di riferimento che predilige. Se sono altre persone a prendersene cura, non stupisce che le preferisca alla mamma.   »

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Fai la tua domanda agli specialisti