Come smettere di allattare senza traumi?

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 28/03/2024 Aggiornato il 28/03/2024

Una bimba di 18 mesi che reclama il seno solo al momento della nanna, può essere rassicurata sulla presenza e sull'affetto della mamma anche in modi diversi dalla poppata consolatoria della sera. Baci, abbracci, una ninna nanna (e la vicinanza) possono essere validi sostituti.

Una domanda di: Angelica
Mia figlia compie 18 mesi tra qualche giorno e per fare la nanna prende ancora il seno. Ho bisogno di levaglielo, ma quando accenno a non
darglielo piange col singhiozzo e non riesco a calmarla. Vorrei levarglielo senza traumatizzarla ma non so che strada prendere.

Angela Raimo
Angela Raimo

Gentile signora,
altre volte abbiamo affrontato l’argomento nelle pagine di questa testata e la risposta non cambia: secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità dopo i sei mesi di vita, che sono l’epoca in cui vengono introdotti i primi alimenti diversi dal latte, l’allattamento al seno va proseguito se sia la mamma sia il bambino (o la bambina) lo desiderano. La sua bimba ha già 18 mesi, quindi la sua parte, cara mamma, l’ha fatta eccome. Se vuole smettere di allattare lo faccia, sostituendo il seno con coccole, abbracci, carezze. Nessun trauma, e perché mai? Non esiste solo il seno per rassicurare il bambino sull’affetto e la presenza della mamma, ci mancherebbe altro! Tanto più che qui stiamo parlando di una bambina di un anno e mezzo: fino a sei mesi l’allattamento al seno è raccomandato, fino all’anno è incoraggiato, ma dopo questa soglia che lei ha superato abbondantemente, se non si vuole o non si può più allattare si può smettere senza eccedere in scrupoli e sensi di colpa. Per farcela in tempi brevi è consigliabile che nei primi giorni sia magari il papà a mettere a nanna la bambina. Se non è possibile, forse è opportuno che lei si fasci il seno (serve anche per arrestare gradualmente la produzione di latte): quando la bambina reclamerà la poppata, che va sottolineato a questa età è più che altro di conforto, lei la consoli con altre modalità: cantando una ninna nanna, abbracciandola, accarezzandola con dolcezza. Senza sensi di colpa, che servono solo a peggiorare la qualità della vita: si ricordi sempre che un bambino sta bene se la sua mamma sta bene. Non dovrebbe essere molto difficile visto che questa bambina reclama il seno solo una volta al giorno. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti