Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 15/09/2021 Aggiornato il 16/09/2021

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.

Una domanda di: Chiara
Avrei bisogno di un consiglio sul mio piccolo Noah: come
toglierlo dal seno? Ciuccia troppo ormai ha 18 mesi e se prima prendeva
ciuccio ora manco quello quindi sempre al seno ed io oltre ad avere una
ferita sono esausta, non dormo e dipendo da lui completamente, che giusto che
sia, ma ho voglia di uscire anche solo per una pizza con mio marito. Ma d’altra
parte mi sento in colpa. Mi hanno detto riduci poppate ma il problema
se non gliela do quando la chiede si scatena l’inferno, scoppia una tragedia. Come si fa? In tutto ciò
mangia molto meno (forse il mio latte lo riempie?), per non parlare del
dormire, sonno agitato, pieno di lamenti e continuo svegliarsi, si placa solo
con il sen. In più come placare le sue urla? Come arginare i morsi e i graffi dopo un rimprovero? Non
ascolta nulla anche se dico con voce ferma decisa. Zero: emette comunque grida, mi aggredisce con le urla: un disastro. Grazie in anticipo.

Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma,
in primo luogo anche secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, dopo l’anno di vita l’allattamento al seno va proseguito solo ed esclusivamente SE GRADITO A ENTRAMBI. Quando la mamma è stanca, come lei lo è, è esasperata, come lei lo è, è insofferente nei confronti dell’allattamento, mi creda è meglio smettere e anche farlo senza troppo tergiversare. Come fare? Semplice: si fasci il seno e smetta di offrirglielo, cominciando a proporgli il latte con la tazza a beccuccio e poi, nell’arco di poco, la tazza normale, visto che a 18 mesi i bambini sono più che pronti per bervi e gestirla senza incidenti. Di sicuro è irrinunciabile agire con decisione e per riuscirci occorre maturare la convinzione che sia questa la strada giusta da seguire, come di fatto, può esserne certa, è. Questo bambino ha preso il sopravvento perché non sente da parte sua alcuna fermezza, i suoi capricci, le sue urla, la sua, per così dire, aggressività sono mezzi per valutare fino a che punto può arrivare e, allo stesso tempo, esprimono la necessità di essere contenuto entro paletti rigidi (e ragionevoli). Lei parla di sensi di colpa perché desidera smettere di allattare. E perché mai? Il suo dovere l’ha fatto e bene, ha nutrito suo figlio con il suo latte ben oltre l’anno di vita, che è il limite vivamente consigliato, se ora non ce la fa più, basta così, altrimenti tutti i benefici psicologici legati al gesto finirebbero per svanire, per lasciare in lei, al loro posto, solo sentimenti di frustrazione e insofferenza. Lei ora si sente ostaggio del suo bambino perché si relazione con lui come se fosse un adulto, quando invece è piccolissimo: gli permette di detenere la gestione della sua vita quando, invece, questo compito spetta esclusivamente agli adulti, per quanto è oneroso e intollerabile nell’infanzia. Non a caso, a quanto riferisce, lo rimprovera, quando a 18 mesi il rimprovero non ha alcun senso: per controllare le intemperanze servono i no decisi (fermezza e dolcezza sono le parole d’ordine) e nulla più. Cara mamma, non giudichi le mie parole troppo dure, creda io comprendo profondamente il suo sentire, capisco cosa sta provando e vorrei davvero avere il potere di aiutarla a uscire da questo vicolo cieco in cui si è infilata, come spesso accade per una ragione molto semplice: nessuno ti insegna a fare la mamma. Ogni donna, quando lo diventa, fa quello che ritiene meglio, si dà generosamente senza più pensare a se, ma quando esagera in tal senso può, come è normale avvenga, non farcela più ed è molto sano che ne sia consapevole, che dica basta così, che desideri riprendere le redini della propria vita. Il mio consiglio è di cominciare a uscire qualche volta con suo marito, per una pizza, per un aperitivo: non dimentichi mai che se mamma e papà riescono a rilassarsi e a ritrovarsi come coppia per i bambino ci sono solo vantaggi. Scacci i sensi di colpa, che sono invasivi, logoranti e non servono a niente. Quando smetterà di allattare non cerchi di espiare caricandosi di rimorsi: è suo diritto farlo se non se la sente più, non ci stia male e per riuscirci tenga sempre presente anche che il bambino sta bene ed è sereno se la mamma sta bene ed è serena. Per quanto riguarda il sonno, vedrà che dal momento in cui lei si sentirà più tranquilla la situazione migliorerà: le ricordo di adottare un rituale della nanna, da ripetere ogni sera: la lettura di una fiaba dopo averlo messo nel lettino continua a essere la strategia preferibile. Mi auguro davvero che lei superi questo momento critico senza abbattersi, nella certezza che continuare così non sarebbe buona cosa per l’armonia della sua bella famigliola. Mi scriva ancora se le fa piacere.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti