Concepimento e dubbi sulle IgG e le IgM relative al citomegalovirus

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 10/09/2019 Aggiornato il 10/09/2019

Le immunoglobuline, a seconda del tipo, segnalano che l'infezione a cui si riferiscono è stata contratta in passato oppure di recente.

Una domanda di: Filomena
Desidero avere un bimbo ma dagli esami fatti ho IgG e IgM per citomegalovirus alte.
Sono gia due mesi che controllo e si sono abbassate di pochissimo, ci sono altre soluzioni?
IgG 21,70
IgM 1,61
Grazie in anticipo.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Cara signora, le posso dare ben due buone notizie.
La prima è che lei ha già contratto l’infezione da Citomegalovirus in passato.
La seconda, è che la gravidanza può essere intrapresa.
Mi spiego meglio: la positività delle IgM per Citomegalovirus (e non solo) in alcune pazienti persiste più del previsto e questo confonde le idee rispetto alla tempistica dell’infezione. Se, però, lei già da due mesi sta controllando questi anticorpi, significa che l’infezione certamente non è più recente.
Infatti, come mi ha riportato, il valore delle IgG (ossia gli anticorpi della memoria) supera di gran lunga quello delle IgM (ossia dell’infezione recente).
In caso di gravidanza, il nascituro sarebbe protetto dai suoi anticorpi IgG dall’infezione, in quanto questa classe di anticorpi è in grado di superare la placenta e diventare bagaglio immunitario per il neonato (almeno per i primi mesi di vita, fintanto che l’apparato immunitario arriva a completa maturazione)
Immagino lei non soffra di immunodepressione, giusto?
Altrimenti me lo avrebbe scritto!
Quindi non vedo alcuna controindicazione a ricercare il concepimento fin da subito.
Si ricordi di assumere acido folico (1 compressa al giorno da 400 microgrammi, lontana da the e latticini) e di osservare una dieta ricca di frutta e verdura di stagione, oltre che di cibi integrali, così da assumere tutte le vitamine e sali minerali necessari al benessere suo e della sua creatura.
Resto a sua disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti