Concepimento e isteroscopia

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 12/03/2024 Aggiornato il 12/03/2024

Dopo un paio di mesi da un'isteroscopia è possibile iniziare la ricerca di una gravidanza, tenendo presente che il raggiungimento dell'obiettivo dipende da vari fattori tra cui l'età della donna.

Una domanda di: Martina
Io il 6 Dicembre sono stata sottoposta a una isteroscopia operativa ed in più mi è stato esportato un pezzo di endometrio. A fine dicembre mi è ritornato
il ciclo regolare ed a oggi ogni 29 giorni mi ritorna il ciclo normalmente. Io e mio marito stiamo provando a concepire un bambino ma da gennaio ad oggi
nulla, secondo voi e tutto normale o mi devo rivolgere ad uno specialista?

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora,
in isteroscopia non si asportano pezzi di utero ma polipi o endometrio per effettuare una biopsia. L’isteriscopia è l’equivalente del vecchio raschiamento col vantaggio di fare il tutto sotto visione diretta di una telecamera. Dopo un paio di mesi dalla isteroscopia è possibile (l’utero ha riposato dopo il piccolo intervento) cercare una gravidanza. Da gennaio ad oggi sono solo due mesi, è presto per agitarsi! Tuttavia non mi riferisce quanti anni ha e questo dato è fondamentale quando si parla di fertilità, soprattutto se femminile, perché un conto è cercare un figlio prima dei 30 anni un altro è cercarlo dopo i 35: a 20 anni può pazientare anche un anno prima di agitarsi ma a 40 magari no, bisogna accelerare i tempi dei controlli perché l’orologio biologico non ha più davanti a sé molto tempo da scandire. Ha fatto una isteroscopia … beh significa che è seguita da uno specialista quindi è lui la figura più adatta per seguirla in questo suo progetto di maternità, visto che conosce la sua età e la sua condizione clinica e ginecologica globale. Detto tutto questo, poiché è così ansiosa chiederei al ginecologo di prescrivere i controlli del caso, cioè volti a verificare il potenziale fertile della coppia. Le ricordo di assumere l’acido folico per tutto il periodo preconcezionale e almeno fino al termine del primo trimestre: serve per la prevenzione della spina bifida nel bambino. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti