Concepimento, irregolarità mestruale e stress

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 21/07/2020 Aggiornato il 21/07/2020

Lo stress è un grande nemico della fertilità, tuttavia numerosi altri fattori possono ostacolare la possibilità di dare inizio a una gravidanza.

Una domanda di: Maria
Salve, ho 28 anni. Premetto che sto avendo dei problemi con il ciclo irregolare innanzitutto a marzo hanno ritardato a venire 10 giorni e venute per poco tempo adesso non sono proprio arrivate, dovevano venire il 31 giugno ma non sono arrivate solamente giorno 20 e 21 ho avuto macchie marroni poi stop e da ieri che ho dolore/bruciore al basso ventre ho eseguito il test ma negativo. Lo scorso mese ho fatto controlli e mi hanno detto che è tutto a posto ma sono davvero preoccupata… Cerchiamo un figlio con mio marito, ho smesso di prendere la pillola da novembre e anche da quando prendevo la pillola hanno cominciato a tardare … in questo periodo sono stata stressata dal trasloco eseguito da poco non so se sia per questo di seguito vi espongo le analisi del pap test eseguito.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
lo stress in effetti è nemico della fertilità, quindi dal momento che non è emerso nulla di alterato a carico del suo apparato genitale (anche il pap
test non ha rilevato nulla) potrebbe davvero essere corresponsabile del fatto che non è ancora rimasta incinta. Vero è anche però che non è neppure un anno che provate, quindi è opportuno attendere che sia trascorso per iniziare a pensare a un problema di infertilità. Mi chiedo comunque se suo marito si è sottoposto all’analisi del liquido seminale (spermiogramma) perché quando un bimbo cercato da una coppia giovane non si annuncia è opportuno analizzare anche la fertilità dell’uomo. Su questo punto le consiglio di confrontarsi con il vostro ginecologo, il quale eventualmente suggerirà a chi si deve rivolgere suo marito per eseguire le analisi del caso. In generale, in casi come il suo è opportuno comunque intervenire sull’irregolarità mestruale, anche impiegando un integratore a base di inositolo, che deve comunque essere il ginecologo curante a prescrivere. Mi chiedo inoltre se non possa essere implicato anche un problema di sovrappeso, in quanto una simile condizione interferisce negativamente sull’attività delle ovaie e, quindi, sul ciclo mestruale. Ma se così fosse, il suo ginecologo lo avrebbe rilevato e le avrebbe dato delle indicazioni di conseguenza, magari suggerendole di rivolgersi a un nutrizionista. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti