Concepire durante una cura con cortisone

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 06/09/2021 Aggiornato il 06/09/2021

Si può senz'altro concepire mentre si sta assumendo cortisone, tuttavia potrebbe essere opportuno attendere fino alla guarigione.

Una domanda di: Tiziana
Martedì ho Iniziato una cura con cortisone (deltacortene 25mg) e
integratore di vitamine(kardinal) a causa di una lieve paralisi del viso
(lato sinistro) per effetto di un eccesso di esposizione ad aria
condizionata nel corso di un matrimonio in cui ero invitata con mio marito.
La cura che mi ha prescritto il neurologo al pronto soccorso (dopo aver
fatto prelievo del sangue e tac) prevede per 5 giorni 2 compresse al giorno
di deltacortene 25 mg e poi dal 6 giorno in poi scalare il cortisone di
mezza compressa fino alla completa dismissione (quindi la cura totale con
cortisone sarà di 8 giorni) e poi 2 compresse al giorno di integratori per
10 giorni e continuare con 1 compressa di integratori per un mese. Fatta
questa premessa vengo alla domanda. Questa domenica partiremo per il viaggio
di nozze e avremmo intenzione di provare a concepire il nostro primo figlio.
La mia domanda il cortisone che sto prendendo e anche le vitamine possono
avere effetti indesiderati ai fini del concepimento? Possiamo in
tranquillità provare il concepimento oppure dobbiamo attendere il termine
della cura con il cortisone? Anche le vitamine possono avere effetti
indesiderati sul concepimento/gravidanza? Spero di aver detto tutto e che
possiate aiutarmi a chiarire il mio enorme dubbio. Grazie in anticipo.
Distinti saluti.
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Ritengo che non ci siano problemi.
Tuttavia, il cortisone potrebbe interferire con gli eventi del ciclo in cui viene assunto.
Se non avete urgenze, meglio completare il trattamento in corso e permettere al neurologo di provare altri farmaci se quelli prescritti non fossero del tutto efficaci. Quando non si sta bene è infatti prudente aspettare la guarigione prima di concepire in vista dell’eventualità di dover assumere altre medicine.
Credo, infine, che lei, oltre ai farmaci descritti, stia già assumendo acido folico, utile per la prevenzione della spina bifida nel bambino. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti