Congiuntivite e soggiorno al mare

Dottor Danilo Mazzacane A cura di Dottor Danilo Mazzacane Pubblicato il 23/08/2019 Aggiornato il 23/08/2019

I sintomi di una congiuntivite che compaiono ogni volta che si va al mare devono essere sottoposti all'attenzione dell'oculista fin dal loro primo apparire: solo così diventa possibile ottenere una diagnosi certa e, di conseguenza, la cura corretta.

Una domanda di: Simona
Volevo chiedere perché quando io vado al mare (spiaggia sabbiosa), mi capita sempre di avere la congiuntivite. Vorrei capire da che cosa deriva. Grazie.
Danilo Mazzacane
Danilo Mazzacane

Gentilissima,
per porre una diagnosi accurata di congiuntivite, anche se apparentemente può sembrare una patologia banale, occorre la raccolta di una esauriente anamnesi, un esame ispettivo anche del bordo palpebrale e l’esecuzione di una valutazione obiettiva della superficie oculare, mediante l’ausilio della lampada a fessura.
L’aspetto della congiuntiva può presentare vari quadri, caratterizzati dalla presenza o meno di secrezione e da iperemia (arrossamento), chemosi (ovvero rigonfiamento), presenza di papille o di follicoli e così via. Possono accompagnarsi vari sintomi come per esempio prurito, sensazione di sabbia nell’occhio, bruciore.
Le cause possono essere attribuite a fattori ambientali di probabile origine allergica, alla contemporanea assunzione di farmaci o per esempio all’assunzione di alimenti con carattere fotosensibilizzante.
Pertanto, tenuto conto del ripetersi dell’evento irritativo durante la permanenza in ambiente marittimo, il consiglio è quello di rivolgersi con l’affezione in atto, a un medico oculista: solo così può essere possibile avere una diagnosi certa.
Consigliabile nel frattempo l’uso di un occhiale protettivo dai raggi solari e dalle eventuali intemperie, in possesso delle garanzie proprie del marchio CE.
Sconsigliabile il “fai da te ” mediante l’automedicazione e la instillazione di colliri di vario genere.
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Strapazzo forte nelle prime settimane di gravidanza: ci sono pericoli?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'utero è morbisissimo al suo interno, rivestito da tessuto muscolare elastico all'esterno, e il liquido di cui è piena la camera gestazionale fa da ulteriore ammortizzatore in caso di urti intensi, quindi non è facile (per fortuna!) causare traumi al feto. La natura fa le cose per bene.   »

Bimba di sei anni che tiranneggia mamma e fratello: che fare?

08/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Una bambina costantemente ribelle, che fa continui capricci e assume atteggiamenti provocatori probabilmente ha solo bisogno dei famosi paletti, che segnano il limite da non superare e, per quanto strano possa apparire, fanno sentire i figli amati, protetti, accuditi.   »

Fai la tua domanda agli specialisti