Contagio da quinta malattia durante la gravidanza: è avvenuto o no?

Dottor Fabrizio Pregliasco A cura di Dottor Fabrizio Pregliasco Pubblicato il 22/06/2022 Aggiornato il 22/06/2022

Quando dalle analisi del sangue emerge che l'avvenuto contagio, da parte di un agente infettivo pericoloso, è "dubbio" si può stare relativamente tranquille.

Una domanda di: Serena
Buongiorno Dottore, la disturbo nuovamente per aggiornarLa circa l’esito del mio esame che allego. Se non erro sono presenti degli anticorpi come per
infezione pregressa e per quanto riguarda le IgM il risultato, per pochissimo, risulta nell’ambito del “dubbio”. A questo punto non so
davvero cosa pensare, se sia il caso di ripetere un dosaggio tra qualche giorno. Grazie ed un saluto cordiale.
Fabrizio Pregliasco
Fabrizio Pregliasco

Cara signora,
il test non evidenzia un’infezione acuta, cioè non sembra che lei in questo momento ne sia colpita. Ha invece sviluppato gli anticorpi che esprimono che il contatto con il virus è già avvenuto. Possibile quindi che lei da bambina abbia contratto la malattia. Comunque sia, deve confrontarsi con il suo ginecologo dopo, ovviamente, aver sottoposto alla sua attenzione l’esito degli esami. Da parte mia ritengo possa stare relativamente tranquilla. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti