Contagio da quinta malattia durante la gravidanza: è avvenuto o no?

Dottor Fabrizio Pregliasco A cura di Dottor Fabrizio Pregliasco Pubblicato il 22/06/2022 Aggiornato il 22/06/2022

Quando dalle analisi del sangue emerge che l'avvenuto contagio, da parte di un agente infettivo pericoloso, è "dubbio" si può stare relativamente tranquille.

Una domanda di: Serena
Buongiorno Dottore, la disturbo nuovamente per aggiornarLa circa l’esito del mio esame che allego. Se non erro sono presenti degli anticorpi come per
infezione pregressa e per quanto riguarda le IgM il risultato, per pochissimo, risulta nell’ambito del “dubbio”. A questo punto non so
davvero cosa pensare, se sia il caso di ripetere un dosaggio tra qualche giorno. Grazie ed un saluto cordiale.
Fabrizio Pregliasco
Fabrizio Pregliasco

Cara signora,
il test non evidenzia un’infezione acuta, cioè non sembra che lei in questo momento ne sia colpita. Ha invece sviluppato gli anticorpi che esprimono che il contatto con il virus è già avvenuto. Possibile quindi che lei da bambina abbia contratto la malattia. Comunque sia, deve confrontarsi con il suo ginecologo dopo, ovviamente, aver sottoposto alla sua attenzione l’esito degli esami. Da parte mia ritengo possa stare relativamente tranquilla. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti