Continuare o no ad allattare? E’ la donna che deve decidere

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 19/02/2021 Aggiornato il 19/02/2021

La scienza può dare solo delle indicazione e sottolineare che il latte materno è prezioso per il bambino, ma è la donna che deve decidere se continuare o no ad allattare al seno dopo l'introduzione degli alimenti solidi.

Una domanda di: Valentina
Gentile dottor Venturelli grazie mille della risposta che mi ha dato su smettere o meno di allattare, l’ho letta attentamente ma mi restano alcuni dubbi per prendere la mia decisione: lei mi ha detto che in allattamento si può dimagrire. Io ho già perso con facilità i chili della gravidanza ma vorrei dimagrire ulteriormente: voglio perdere 7 chili, sono normopeso ma peso 7 chili in più rispetto a qualche anno fa comporterebbe liberare nel latte delle tossine che verrebbero mobilitate col grasso e passerebbero nel latte. Così mi ha detto la nutrizionista che ho interpellato, anche in caso di dimagrimento lento. A questo punto dalla sua risposta mi viene il dubbio che non sia vero….mi conferma?
Per la permanente per i capelli anche qui mi ha detto il parrucchiere che non si può fare se allatto: anche questa è una bugia? Lei mi sta aprendo un mondo.
Ho letto vari studi che dicono che allattare al seno per almeno due mesi riduce fino al 73 per cento il rischio di SIDS. Se smettessi di allattare a
8 mesi, il mio bimbo avrebbe un maggior rischio di SIDS dall’ottavo al 12mo mese, oppure ormai avendolo allattato a lungo la differenza non è statisticamente significativa? Dottore non so davvero cosa fare, mi sta venendo la depressione a pensarci, non voglio privare mio figlio del latte materno ma non voglio nemmeno mettermi a piangere ogni volta che mi guardo allo specchio perché mi vedo mostruosa. Inoltre le chiedo, se volessi anche solo ridurre le poppate (di notte si sveglia almeno10 volte per ciucciare) ma SENZA TRAUMATIZZARE il bambino come posso fare? È possibile? Ci tengo molto a non traumatizzare il bimbo. Mi sento molto debole psicologicamente e non so quale decisione sia la più giusta da prendere, dottore.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora confermo, durante la gravidanza e durante l’allattamento si possono fare le tinte, le mèches, e persino la permanente senza far correre alcun rischio al nascituro. I prodotti contenenti sostanze dannose, come l’anilina, sono vietati ormai da diversi decenni, e nessun cosmetico, se certificato e di provenienza sicura è tossico. Per quanto riguarda la liberazione delle tossine contenute nell’adipe, il rischio si potrebbe porre in caso di perdita di peso massiccia e veloce, quindi in antitesi con le linee guida a cui si attengono i nutrizionisti quando suggeriscono diete dimagranti. Del resto nel periodo dell’allattamento le neo-mamme che seguono un’alimentazione sana e ben bilanciata dimagriscono molto rapidamente e nessun neonato né lattante ha mai riportato danni riconducibili a questo. Per la SIDS che dire? Sappiamo che l’allattamento al seno è uno dei fattori protettivi, associato al coricare il bambino a pancia in su. Gentile signora, io non posso darle la risposta che cerca, non posso cioè essere io ad autorizzarla a smettere di allattare. Come le ho già scritto, la scelta può essere solo sua, al di là delle regole e delle indicazioni di noi medici ed è giusto che sia così. Non si può medicalezzare tutto: la medicina dà dei suggerimenti di massima, poi spetta alla madre decidere, continuare non è obbligatorio, smettendo non violerà alcuna legge. Parlare addirittura di “traumatizzare” il bambino privandolo del seno mi sembra veramente eccessivo, così come alludere alla possibilità di ammalarsi di depressione dopo aver (eventualmnete) deciso di smettere di allattare. Anche il suo desiderio di perdere sette chili, pur essendo normopeso, a mio avviso richiede attenzione, così come il suo “vedersi un mostro allo specchio”.
Forse potrebbe valutare l’opportunità di un colloquio con uno psicologo. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti