Continue ridatazioni della gravidanza

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 05/08/2021 Aggiornato il 05/08/2021

Di norma la ridatazione ecografica della gravidanza viene fatta una sola volta. Dopodiché, se il feto non rispetta l'aspettativa di crescita, o per difetto o per eccesso, occorre ipotizzare che sia subentrato un problema.

Una domanda di: Laura
Vorrei un’informazione.
Sono incinta di 33 settimane (secondo il calendario ostetrico), con data presunta del parto il sei settembre.
Alla morfologica mi è stato detto che la bimba risultava essere, viste le misure, più grande di una settimana, (quindi da 20, sono passata a 21), quindi attualmente invece di essere di 33 settimane sono di 34 con data presunta del parto il 30 agosto.
L’altra settimana sono stata alla visita ginecologica e la bimba, visto il peso, risulta essere ulteriormente avanti di un’altra settimana. Ma quindi io adesso devo calcolare di essere a 35 settimane? Ed inoltre visto l’accrescimento c’è probabilità di partorire prima?
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Gentile signora,
la datazione della gravidanza viene fatta generalmente una volta soltanto e cronologicamente il momento più indicato è rappresentato dalla fine del primo trimestre, periodo nel quale viene fatta la diagnosi prenatale relativa al rischio malformativo. Superato questo periodo, la crescita del feto è generalmente armoniosa e si mantiene su una curva che è caratteristica del feto stesso. Quando le misure cambiano tanto da definire un feto più grande o più piccolo non sembra indicata una nuova datazione ma una valutazione per difetto di crescita (ipo-sviluppo fetale ) oppure sospetto di macrosomia. Quest’ultima potrebbe essere indicativa è un disturbo metabolico materno il più frequente dei quali è il diabete gestazionale. Pertanto le suggerisco di valutare insieme al suo specialista di fiducia tali aspetti, anche se ritengo che per esempio lei stia effettuando a cadenza regolare il dosaggio della glicemia. Questo servirà anche a prevedere on più accuratezza quando partorirà. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti