Continui dosaggi delle beta dopo un test sulle urine positivo

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 12/07/2021 Aggiornato il 26/07/2021

Una volta scoperto di essere incinta, grazie al test fai-da-te eseguito sulle urine, non serve a nulla continuare di propria iniziativa a effettuare il dosaggio dell'ormone beta-hCG.

Una domanda di: Katia
Il 2 luglio ho fatto un test di gravidanza che mi dava incinta 1-2. Fatto
subito le beta con risultato 10.5, rifatte dopo quattro giorni erano scese a 6.3.
Ad oggi ho dolori pelvici seno ingrossato e non ho perdite rosse. Il 3 ho
avuto lievi macchie rosa. Il 15 ho di nuovo le beta. Ho muco trasparente.
Vorrei cortesemente sapere cosa sta succedendo. Se sono fertile in questo
periodo. Se posso avere rapporti. Mi sento svenire e ho nausea. La ringrazio.
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile mi manca la data dell’ultima mestruazione e, di conseguenza, il giorno della possibile ovulazione.
Non misurerei le beta-hCG prima della quinta settimana dall’inizio dell’ultima mestruazione. E continuare a misurarle non serve a niente, se fatto oltretutto di propria iniziativa come nel suo caso. Una volta che il test di gravidanza effettuato sulle urine dà un risultato positivo non occorre affannarsi a fare altro: basta fissare un controllo dal ginecologo intorno alla sesta settimana (anche settima), cioè per un’epoca in cui se tutto va bene con l’ecografia si riesce a visualizzare l’embrione.
Il seno gonfio è possibile e non è un problema, così come la nausea. Per quanto riguarda la domanda “sono fertile in questo periodo?” veramente non so che cosa intende chiedere. Di sicuro se è iniziata una gravidanza non può iniziarne un’altra. Per i rapporti sessuali non ci sono preclusioni.
Alla sesta settimana un’ecografia ci darà informazioni sulla gravidanza. Nel fratempo non faccia nulla, non ve ne è alcun bisogno. E’ bene invece che cerchi di stare tranquilla: troppa ansia nelle sue parole, la gravidanza è lunga si prepari ad affrontarla con serenità, altrimenti non riuscirà a goderne. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti