Contraccettivo di emergenza associato alla pillola

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 03/01/2022 Aggiornato il 03/01/2022

Non è corretto assumere contemporaneamente la normale piccola contraccettiva e la pillola dei 5 giorni dopo: il rischio è di andare incontro a vari effetti indesiderati.

Una domanda di: Elisa
Assumo la pillola Belara da più di tre anni e non ho mai avuto problemi o dimenticanze. Il 26/11 ho iniziato il nuovo blister alle 12 come di consueto, nei giorni seguenti ho avuto rapporti completi con il mio ragazzo fino al 30/11 e ho sempre assunto la pillola. Il 1/12, il 2/12 e il 3/12 ho avuto una scarica di diarrea due ore dopo aver assunto la pilolla, tutti e tre i giorni. Solo il 3/12 ho letto il bugiardino e assunto la pillola in più per quel giorno. Il 4/12 ho assunto anche la pillola dei 5 giorni dopo e ho proseguito con la normale assunzione della pillola, ora mancano 6 giorni alla fine del blister. Sono molto preoccupata di non essere coperta per il rapporto del 30/11, c’è il rischio che io sia incinta? Grazie per la vostra risposta.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, assumere l’estroprogestinico come nel suo caso da anni e avere una dimenticanza seppur breve non dovrebbe aumentare in maniera significativa il rischio di fallimento del metodo contraccettivo. Non è corretto assumere contemporaneamente anche la pillola del giorno in quanto il picco ormonale conseguente tra l’assunzione dell’estroprogestinico di base più il contraccettivo di emergenza può determinare sicuramente degli effetti collaterali anche importanti. Appare più appropriato evitare l’interruzione tra un blister e l’altro effettuare comunque un test di gravidanza per sicurezza ma non mescolare l’uso di farmaci che tra loro certamente si potenziano. Consiglio quindi di effettuare un controllo dal suo specialista di fiducia e rivalutare con il suo aiuto la situazione.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti