Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

Dottoressa Faustina Lalatta A cura di Dottoressa Faustina Lalatta Pubblicato il 22/04/2024 Aggiornato il 06/05/2024

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,

Una domanda di: Maria
Salve,
Io e il mio fidanzato (da 5 anni insieme) abbiamo scelto di iniziare una gravidanza, però da un po’di tempo a questa parte, abbiamo scoperto che suo
padre è cugino della mia nonna. Purtroppo ci preoccupiamo che questo possa essere un problema per la gravidanza e per il bambino, mi sa dire di più e
soprattutto se c‘è da preoccuparsi?
Grazie.
Faustina Lalatta
Faustina Lalatta

Gentile signora,
la consanguineità che lei descrive è remota (bisnonni in comune). La probabilità di concepire figli con anomalie congenite, cioè malformazioni o malattie ereditarie è, in questi casi, sostanzialmente sovrapponibile a quella delle altre coppie, cioè pari al 3-5 per cento. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune, come ad esempio gli altri cugini, i fratelli o sorelle della nonna. In questo caso è necessario rivolgersi al genetista che ricostruirà l’intero albero genealogico e valuterà i rischi.
In ogni caso io le raccomando di accertare lo stato di portatore sano delle tre malattie più frequenti della nostra popolazione cioè: talassemia (anemia mediterranea); fibrosi cistica; atrofia muscolare spinale (sma). Anche senza che vi siano stati casi in famiglia!
L’assenza di mutazioni di queste malattie sarà molto rassicurante per la vostra coppia.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti