Cortisolo alto da eccesso di stress: ci sono integratori per combatterlo?

Dottor Antonello Sannia A cura di Dottor Antonello Sannia Pubblicato il 14/03/2024 Aggiornato il 14/03/2024

La rodiola può essere di aiuto quando il cortisolo è presente in quantità eccessive, ma può davvero poco se non si fa nulla per ridurre l'accumulo di stress da cui la produzione di cortisolo dipende.

Una domanda di: Cristian
Ho 46 anni, volevo sapere da lei un integratore utile per contrastare l’eccesso di cortisolo da stress. La ringrazio.
Antonello Sannia
Antonello Sannia

Gentile Cristian, spiace sottolineare l’ovvio ma prima di pensare a un integratore per contrastare l’eccessiva produzione di cortisolo sarebbe opportuno agire sullo stress cercando di allentarlo il più possibile. Diversamente i livelli di cortisolo rimarranno comunque alti e lei sarà sempre più esposto ai rischi che può comportare. Il cortisolo in eccesso indebolisce le difese naturali dell’organismo, rendendolo più vulnerabile nei confronti delle malattie infettive e, ancor peggio, favorisce la comparsa del diabete di tipo 2 (dell’età adulta) oppure ne può peggiorare la gravità. Il più efficace e naturale rimedio contro lo stress è rappresentato dall’attività fisica: camminare, nuotare, ballare. Lo yoga può essere invece di grande aiuto per rilassarsi, così come può servire apprendere e attuare una tecnica di rilassamento (a volte basta la respirazione lenta e profonda, da praticare all’aperto, in mezzo al verde). Detto questo, per limitare la quantità di cortisolo circolante ci sono alcune regole che elenco di seguito. Bere massimo due caffè al giorno, sempre e solo al mattino, eliminare drasticamente tutti i dolciumi contenenti zucchero da cucina e naturalmente le bevande zuccherate. Preferire pasta, pane, riso integrali, condire solo con olio d’oliva. Ridurre al massimo il consumo di grassi animali, mangiare poca carne, alternandola a pesce, uova e legumi. Assumere abbondanti quantità di verdure, meglio se cotte, e due porzioni di frutta al giorno. Recuperare, se necessario, il proprio peso ideale. Bere almeno due litri di acqua al giorno a piccoli sorsi. La sera coricarsi sempre alla stessa ora e possibilmente non oltre le 22.30. Se possibile, fare un breve sonnellino al pomeriggio. Tra gli integratori, è senza dubbio un ottimo aiuto la rodiola: si trova in capsule in tutte le farmacie, parafarmacie, erboristerie. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti