Cosa sono gli occhiali “da riposo”?

Dottor Danilo Mazzacane A cura di Dottor Danilo Mazzacane Pubblicato il 16/10/2017 Aggiornato il 01/08/2018

I cosiddetti "occhiali da riposo" non godono dell'approvazione della comunità scientifica oftalmologica, riconosciuta universalmente come garante di teorie accreditate.

Una domanda di: mamma di Matteo
caro dottore,
cosa significa esattamente “occhiali da riposo”? Una mia amica mi ha detto che lei li ha e li usa per vedere la tv e quando sta al computer e si trova benissimo. Sono gli stessi che si comprano al supermercato? E in quale problema di vista si usano?
Danilo Mazzacane
Danilo Mazzacane

Gentilissima signora,
l’utilizzo degli occhiali è indicato per la correzione dei vizi di rifrazione quali miopia, ipermetropia e astigmatismo. La presbiopia necessita di correzione per la visione da vicino dopo i 40 anni circa. Gli occhiali da sole sono consigliati per la protezione dai raggi. Gli occhiali da riposo descritti ed effettivamente in commercio non hanno una indicazione medico- oculistica riconosciuta. Ci sono teorie di supporto all’origine di detti “occhiali da riposo” che però non rientrano nella medicina convenzionale. Pertanto gli occhiali in oggetto non sono garantiti ufficialmente dalla comunità scientifica oftalmologica, riconosciuta universalmente. In generale, è sempre opportuno eseguire una visita medica oculistica prima di procedere all’acquisto di un qualsiasi occhiale.
Cordialmente

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti