CoVid-19: quanto tempo dopo la guarigione si può effettuare l’esavalente?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 21/02/2022 Aggiornato il 21/02/2022

Per essere sicuri di ottenere il massimo della risposta da parte del sistema immunitario, può essere opportuno effettuare l'esavalente su un bambino che ha contratto la CoVid-19 a partire da 14 giorni dopo la negativizzazione del tampone.

Una domanda di: Valentina
La mia bambina di 17 mesi ha contratto il Covid proprio nei giorni in cui avrebbe dovuto ricevere la prima dose di esavalente (per svariati motivi non è ancora stata vaccinata). Quanti giorni devono passare dalla negativizzazione da Covid per poter somministrare l’esavalente?
Grazie.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara mamma,
come per qualsiasi malattia, quando avviene la guarigione (non più disturbi) e, nel caso dell’infezione CoVid-19, c’è la negativizzazione del tampone, si può tranquillamente effettuare la vaccinazione esavalente. Se si vuole essere ancora più tranquilli, ed essere completamente sicuri di scongiurtare il rischio che vi sia una minore reattività delle difese immunitarie all’esavalente, dovuta alla recente CoVid-19, si possono lasciar passare 14 giorni dalla negativizzazione del tampone. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti