Crampi addominali nel primo trimestre di gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 20/04/2022 Aggiornato il 20/04/2022

A volte il mal di pancia che compare in gravidanza può essere conseguenza della stipsi, tuttavia è sempre bene sottoporlo all'attenzione del ginecologo.

Una domanda di: Jessica
Sono entrata oggi nella settima settimana. Da due settimane sto malissimo, ho dei forti crampi addominali che mi hanno portata 3 volte al pronto soccorso. Mi è stato detto che il tutto è imputabile al mio intestino (soffro di colon irritabile -stipsi). La mia ginecologa mi ha visitata la scorsa settimana in quanto i dolori erano insopportabili dandomi da prendere 2 bustine di movicol, fermenti lattici e Tachipirina. In occasione della visita ha riscontrato un distacco coriondeciduale e mi ha detto di stare a riposo due settimane utilizzando ovuli di progesterone. Sono molto preoccupata perché i crampi sono sempre presenti. nonostante la vita che faccio da una settimana e mi chiedevo se questi disturbi sono frequenti all’inizio della gravidanza e se solitamente perdurano per tutti i nove mesi. Cosa ne pensa anche del distacco coriondeciduale? La ringrazio molto. Cordiali saluti.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, 3 accessi in pronto soccorso in due settimane non sono pochi. Deduco che lei abbia dei dolori importanti e mi domando se il suo intestino sia l’unico responsabile di tutto ciò. Partiamo dall’intestino comunque. In gravidanza il suo ritmo rallenta fisiologicamente per assorbire al meglio tutti i nutrienti quindi capisco che lei che già soffriva di stipsi sia in difficoltà a trovare un nuovo equilibrio. Tuttavia, mi sembra fondamentale richiamare un aspetto importante. È utile assumere lassativi come il movicol solo se lei ha lo stimolo ad evacuare ma non riesce se non sforzandosi per via della consistenza delle feci. Se invece lo stimolo fosse assente anche per 2 o 3 giorni consecutivi, sarei propensa a suggerirle di idratarsi abbondantemente, arricchire la dieta con fibre (ad esempio cereali integrali a colazione, prugne secche, kiwi maturi, pane e/o pasta integrali e verdure a volontà se possibile limitando alimenti quali banane, patate, limoni e riso bianco in quanto sono cibi astringenti) e attendere con fiducia il momento propizio. Sicuramente i fermenti lattici sono un prezioso aiuto a favorire il regolare transito intestinale, magari si può fare un ciclo con quelli suggeriti dal medico di pronto soccorso ma per il proseguio della gravidanza le segnalo che anche lo yoghurt può essere una fonte di fermenti lattici più a buon mercato. Rispetto al distacco coriondeciduale e alla terapia con ovuli di progesterone (mi auguro 1 ovulo da 200 milligrammi al giorno, non due o tre!) non sono in grado di confermarle l’indicazione dei miei colleghi dato che non ho effettuato io l’ecografia, tuttavia mi sento di osservare che il progesterone ovuli può peggiorare la stipsi e pertanto quello che sta soffrendo ora non si protrarrà per tutti i nove medi di sicuro! Il riposo domiciliare è un aiuto a far guarire questo distacco ma, d’altra parte, la scarsa attività fisica peggiora la motilità intestinale per cui il mio consiglio sarebbe quello di concedersi una mezz’oretta di passeggiata in piano a ritmo rilassato…aiuta a distendere la mente e anche il corpo, ne sono convinta. Resto a sua disposizione se desidera, sperando di averla rincuorata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Creme solari: si possono usare in allattamento?

24/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante l'allattamento è opportuno usare, all'occorrenza, prodotti per la protezione dai raggi del sole contenenti filtri fisici e non chimici.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti