Crema solari per bambini: è pericoloso usarla in un bambino di un anno se è consigliata dai due?

A cura di Professore Piergiacomo Calzavara Pinton Pubblicato il 29/05/2024 Aggiornato il 30/05/2024

I prodotti solari di buona marca per uso pediatrico non espongono a particolari anche se vengono utilizzati in bambini un po' più piccoli rispetto all'indicazione. Meglio però non scegliere la formulazione in spray che può rendere meno facile applicarli in quantità corretta.

Una domanda di: Giulia
Ho una bimba che compirà 3 anni la prossima settimana. Essendo nata a fine maggio, su consiglio della pediatra, dal compimento di un anno, avendo iniziato ad andare al parco camminando in giro e poi al mare, abbiamo sempre applicato crema solare 50 + sulle zone esposte. Quando l’abbiamo comprata in farmacia mi ero fatta consigliare e avevo comprato sia una crema spray Vichy 50 + dermopediatrics in cui non era specificata l’età di utilizzo e poi una crema spray Avene 50 + per bambini. Leggendo sul sito internet di Avene mi sono solo ora accorta che la crema in questione è consigliata dai 2 anni di età mentre mia figlia l’ha iniziata a usare dall’anno di età. Inoltre leggendo l’INCI ho visto che contiene un composto BIS-ETHYLHEXYLOXYPHENOL METHOXYPHENYL TRIAZINE nano e ho visto che si tratta di una nanoparticella. Mi sono un po’ allarmata leggendo su internet che sarebbe da evitare nei bambini. Posto che mia figlia non si è mai scottata usandola e non ha mai avuto reazioni particolari, mi chiedevo se avessimo sbagliato ad utilizzarla e se fosse meglio passare a un altro prodotto. Grazie mille.
Piergiacomo Calzavara Pinton
Piergiacomo Calzavara Pinton

Buongiorno, i prodotti che sono stati consigliati sono buoni prodotti, per quanto eviterei lo spray e preferirei la crema perché può più facilmente applicarne la quantità per avere l’ SPF (fattore di protezione solare) dichiarato, che è pari a 2 milligrammi per centimetro quadrato di pelle, che corrispondono a circa due cucchiai da minestra colmi (circa 35 millilitri) per l’applicazione su tutto il corpo di un adulto. Può calcolare la quantità giusta utilizzando un calcolatore della superficie corporea presente in internet: basta digitare in un motore di ricerca “calcolo superficie corporea” e inserire peso e altezza della bambina nelle apposite stringhe per ottenere il risultato. Per quanto riguarda la formulazione in nanoparticelle è fatta con particelle che non penetrano nella cute. Cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti