Crioconservazione degli ovociti a 40 anni: ne vale la pena?

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 14/04/2023 Aggiornato il 14/04/2023

L'età in cui per la donna è più opportuno decidere per la crioconservazione degli ovociti è 30 anni. A 40 anni, infatti, le probabilità che la procedura e la successiva tecnica di proceazione medicalmente assistita abbiano successo sono scarse.

Una domanda di: Annalisa
Sono una donna di 40 anni (compiuti il 28 marzo scorso). Da 6 mesi mi sono messa in testa di fare un ciclo di crioconservazione degli ovuli, perché non avendo un compagno mi ha preso il panico di non poter avere possibilità di una gravidanza con i miei ovuli in futuro. Però nonostante abbia questo desiderio non sono ancora riuscita a intraprendere la cura per la stimolazione ovarica, in quanto ne sono terrorizzata. Sono quindi entrata in un loop mentale ossessivo dove alterno l’angoscia di dover affrontare il percorso, alla tristezza di dover rinunciare. Così sono caduta in una depressione reattiva con sbalzi d’umore e indecisione totale, per cui sono da poco in cura con 10 mg di olanzapina e 15 di mirtazapina. Chiedo se possa interferire sulla riuscita della stimolazione ovarica e anche in generale sulla ricerca e mantenimento di una possibile gravidanza. Infatti questa storia mi sta facendo emergere anche altre paure (lavoro, problemi della vita in generale) e lo psichiatra mi ha consigliato di intraprendere questa cura a lungo (mesi). Leggevo in particolare che l’olanzapina può alterare la produzione di prolattina e quindi l’ovulazione… Non so che fare, grazie.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Annalisa, a 40 anni il margine di successo delle fertilizzazioni in vitro è circa il 20 per cento e i cicli di stimolazione ovarica ottengono in genere due massimo tre uova. Con questo margine di successo la possibilità di ottenere una gravidanza dopo transfer degli embrioni ottenuti da due uova è del 40 per cento, di 3 uova del 36 per cento. Se si sottoponesse a due cicli di stimolazione raddoppiando il numero di embrioni questo margine di successo ppotrebbe salire. Come vede il sistema non è molto efficiente e questo è legato all’età in cui desidera crioconservare i suoi ovociti rispetto a quella raccomandabile che è intorno ai 30 anni, quando sia il margine di successo sia il recupero degli ovociti è molto maggiore. Rispetto a questi numeri un po’ deludenti rimane la possibilità di concepire spontaneamente che permane buona anche dopo i 40 anni e potrebbe essere l’alternativa da valutare alla conservazione ovocitaria costosa, che la sta mettendo in crisi e che offre un margine limitato di successo. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti