Cure a confronto: perché alla mia amica sì e a me no?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 25/08/2021 Aggiornato il 25/08/2021

Non è mai opportuno confrontare la cura che si sta affrontando con quella prescrtitta a un'altra donna incinta: ogni gravidanza, infatti, è una storia a sé e i medici impostano le terapie in base al singolo caso.

Una domanda di: Domy
Salve, dopo aver avuto il distacco amniocoriale mi sono state prescritte
le fiale di Prontogest da fare ogni giorno per 1 mese e poi a seguire 5
fiale di Lentogest ogni 3 giorni.
Alla mia vicina di casa, invece, per lo stesso problema oltre ad un mese
di Prontogest le sono state prescritte 5 fiale di Lentogest ogni 3 giorni+
2 fiale sempre di Lentogest da fare a distanza di una settimana l’una
dall’altra.
Per esempio, se la quinta fiala capita di farla di lunedì, la sesta
settimana la deve fare il lunedì successivo e la settima settimana l’altro
lunedì, così si “scala” e non finisce di botto.
Ora il dubbio è: è più corretto scalare o finire di colpo?
Io sono a 19+3, la mia amica a 18+2.
Grazie per l’attenzione.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, ammetto di non essere esperta nei protocolli d’impiego del Prontogest e del Lentogest.
Mi permetto però di metterla in guardia dal confrontare la sua terapia con quella della vicina in quanto, anche se aveste lo stesso medico curante, potrebbe darsi che vi fossero prescritti regimi terapeutici differenti e a ragion veduta!
Non mi ha detto se la sua gravidanza sia insorta o meno da Procreazione Medicalmente Assistita (PMA).
Glielo chiedo perchè in effetti in presenza di un distacco amniocoriale si è soliti prescrivere un’integrazione di Progesterone ma solitamente per via vaginale (Progeffik o Prometrium sono i nomi commerciali) a dosaggi che variano dai 200 mg ai 600 mg al giorno.
La somministrazione per via intramuscolo come nel suo caso comporta una maggior disponibilità dell’ormone a livello dell’organismo ma trattandosi di iniezione è pur sempre più invasiva.
Lei è già arrivata ben oltre il fatidico primo trimestre che è gravato da una maggior frequenza di aborti spontanei, siamo quasi a metà della gravidanza ormai!
A breve immagino abbia prevista l’ecografia cosiddetta morfologica in cui si potrà sapere se lo volete il sesso del nascituro…e poi, dopo altre due settimane, inizierà a percepire i primi movimenti del suo piccolo ospite…vedrà che ora viene il bello!
Dal mio punto di vista, dato che solitamente il Progesterone viene somministrato per sostenere nella sua funzione il corpo luteo (che produce gli ormoni gravidici a livello dell’ovaio nella prima fase della gravidanza), alla sua ormai ragguardevole epoca gestazionale si tratta comunque di una terapia che non dovrebbe più essere così necessaria dal momento che la placenta ha di sicuro iniziato e sviluppato nel frattempo le sue potenzialità.
Si potrebbe discutere eventualmente se proseguire o meno con il Progesterone per via vaginale, sempre che ci siano dei dati clinici suggestivi in tal senso (ad esempio una cervicometria ridotta oppure sensazioni simili ai dolori mestruali o di crampi al basso ventre).
Sulla sospensione del Lentogest non avrei particolari preoccupazioni: è comunque un farmaco che viene messo in circolo lentamente dalla sede di iniezione quindi si può anche sospenderlo “di botto” tenendo presente che ci sarà comunque uno strascico di alcuni giorni nella sua funzione a livello dell’organismo.
Spero di averle risposto e soprattutto di averle dato fiducia che tutto andrà per il meglio, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti