Curva glicemica: è proprio necessaria?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/03/2018 Aggiornato il 03/03/2018

La curva glicemica è un esame che impone di assumere una soluzione zuccherata che dà problemi, come nausea e vomito, a qualche futura mamma. In una simile eventualità, non resta che monitorare la situazione in altro modo.

Una domanda di: Michela
Salve dottoressa, volevo sapere se questa curva glicemia si deve fare obbligatoriamente o ci sono esami alternativi. Purtroppo su richiesta del mio ginecologo sono andata a farla ma dopo
15 minuti sono stata male: mi sono sentita svenire e ho vomitato la soluzione glucosata (composta da acqua e zucchero) che mi hanno dato da bere. Non mi
sento rifarlo, devo parlare con il
medico, ma volevo sentire altri pareri o
se ci sono esami meno invasivi di
questo…Non ho casi di diabete in famiglia e ho
meno di 35 anni. Grazie per la sua risposta.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, posso tranquillizzarla sulla curva glicemica: se una donna in gravidanza la esegue e non riesce a completare l’esame per malessere., di solito si rinuncia a sottoporla a questo esame che di fatto può infastidire.
Quanto ai fattori di rischio, è vero che incidono sia la familiarità, che l’età materna o il fatto di aver già avuto un diabete gestazionale in una gravidanza precedente, ma è vero anche che in ogni gravidanza potrebbe insorgere “ex novo” questa complicanza che richiede alcuni accorgimenti (in primo luogo dietetici) per preservare la salute della mamma e del suo bambino.
Restano a disposizione a mio avviso queste due opzioni:
1) monitoraggio glicemico basale e post-prandiale (ossia un primo prelievo ematico al mattino a digiuno e un secondo prelievo a due ore dal pranzo, soltanto che non tutti i laboratori analisi lo eseguono ed è anche difficilmente standardizzabile: una mamma potrebbe stare a stecchetto a pranzo e avere una glicemia perfetta, quando magari generalmente esagera a tavola o con i fuori pasto).
Sarebbe importante che la glicemia basale fosse inferiore a 90 mg/dl e quella post-prandiale inferiore a 120 mg/dl.
2) monitoraggio della gravidanza, in particolare dell’aumento ponderale materno (aumento di peso) e dell’accrescimento fetale tramite indagine ecografica.
Qualora l’incremento di peso materno e/o fetale fosse eccessivo, è possibile anche indagare con esami del sangue aggiuntivi se la glicemia sia ben controllata o se, a causa della gravidanza, lei tenda ad avere una glicemia “sopra le righe”…anche in questo caso, è sufficiente un prelievo del sangue che vada a dosare la glicemia e l'”emoglobina glicata”.
Come può vedere, non tutto è perduto…stia serena e cerchi di non esagerare con gli zuccheri semplici, a ogni buon conto!
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La “piaghetta” del collo dell’utero ostacola il concepimento?

05/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ectropion della cervice non ostacola la possibilità di dare inizio a una gravidanza.   »

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti