Data del parto: come si (ri)calcola?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 14/04/2020 Aggiornato il 14/04/2020

Per convenzione la data del parto coincide con l'ultimo giorno della 40ma settimana di gravidanza. Si parla tuttavia di data "presunta"perché in realtà è raro che il bambino nasca proprio quel giorno.

Una domanda di: Elisabetta
Salve dottore, ho avuto l’ultimo ciclo il 27 gennaio e secondo i calcoli dovrei essere di 10 settimane + 5 giorni con data presunta parto 2 novembre.
Ho eseguito la prima ecografia il 9 marzo e si è vista solo la camera gestazionale (9mm) e il ginecologo mi ha detto che ero di 6 settimane ma ne toglieva una perché pensava ad un ritardo di concepimento visto il ciclo irregolare. Secondo controllo il 6 aprile, si vede l’embrione (23mm) e mi dice che le dimensioni corrispondono a quelle di una nona settimana…
Ora mi chiedo, le dimensioni sono effettivamente dovute ad un ritardo di concepimento?
Inoltre la data prevista del parto non è stata ricalcolata, avevo pensato che dovesse ritardare anche quella… è troppo presto per calcolarla?
Come posso ricalcolare e tenere il conto delle settimane?
La ringrazio!

Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

La datazione della gravidanza precisamente avviene intorno alla 12° settimana, calcolata partendo dalla data di inizio dell’ultima mestruazione. In questa epoca si può rivedere la data del termine. Tenga comunque presente che la durata della gravidanza è per convenzione di 40 settimane, che si calcolano a partire dalla data dell’ultima mestruazione, tuttavia è davvero raro che il parto avvenga esattamente l’ultimo giorno della 40ma settimana. Dalla 38ma settimana in avanti in qualunque giorno avvenga il parto si considera giunto “a termine”. Allo stesso tempo la durata può superare le 40 settimane, senza che questo esprima un problema. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti