Data del parto: è giusta quella ipotizzata dal calcolo ostetrico o dall’ecografia?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 09/02/2024 Aggiornato il 09/02/2024

Molto probabilmente la data del parto sarà quella calcolata in base alle misure del feto rilevate grazie alla prima ecografia.

Una domanda di: Cristina
Buon giorno, le scrivo per avere un chiarimento. Mia nuora è a termine e ha avuto ultima mestruazione il 03/05/2023, aveva la scadenza il 07/02/2024.
Però alla prima ecografia a 9 settimane hanno cambiato la scadenza al 24 febbraio per dicevano che embrione era più piccolo rispetto alle settimane
di gestazione (ora invece la bimba pesa di più del normale). Io volevo capire se questa cosa è giusta e quando allora mia nuora ha la scadenza: il
7/2/2024 o il 24/2/2024? Grazia mille e buona giornata.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora,
la gravidanza di sua nuora è stata ridatata in base a quanto rilevato dall’ecografia effettuata in nona settimana. La ridatazione ha più
valore del conteggio ostetrico che calcola le settimane di gravidanza a partire dalla data di inizio dell’ultima mestruazione, in quanto considera
le misure di quello specifico embrione e quindi può indicare le settimane di gravidanza con maggiore precisione. Evidentemente sua nuora ha concepito più
avanti rispetto al giorno presunto (eventualità non così rara) quindi la bambina a nove settimane di gravidanza era più piccola rispetto all’atteso.
Tenga presente che la ridatazione della gravidanza si fa una volta sola, quindi il fatto che ora la bambina sia, come lei dice, più grande del
normale non influisce sull’epoca della gravidanza, non aumenta le settimane di gestazione. Voglio anche sottolineare che nell’ecografo non c’è una bilancia e che quindi il peso viene calcolato in maniera ipotetica attraverso algoritmi che forniscono un risultato molto approssimativo: lo scarto in più o in meno può essere anche di 400-600
grammi che sono tantissimi in proporzione al peso totale del feto. Aggiungo anche che dalla 37-38 ma settimana la gravidanza è considerata a termine, perché il bambino è perfettamente pronto per vivere fuori dall’utero. Fermo resta che normalmente la maggior parte delle donne arriva alla 40ma settimana di gestazione. Direi quindi di considerare, come data presunta del parto, il giorno 24 febbraio, tenendo però conto che, diciamo dal 10 febbraio, la sua nipotina potrebbe nascere, senza essere considerata una neonata pretermine. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti