Deficit di acil-CoA deidrogenasi: ecco il sospetto

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 11/05/2019 Aggiornato il 11/05/2019

A fronte del sospetto di una importante malattia metabolica è fondamentale affidare il bambino a un centro specializzato, al fine di ottenere indicazioni alimentari che aiutino a controllare al meglio la situazione.

Una domanda di: Carmen
Sono ancora la mamma di Francesco jr che ha 13 mesi. Come già scritto Francesco rifiuta le pappe e io vorrei un consiglio perché è importante che mangi in quanto c’è il sospetto che abbia una malattia chiamata deficit di acil-CoA deidrogenasi. Vorrei cortesemente ricevere un fedbeck rispetto a quanto ho descritto nella mia email precedente e avere magari una indicazione per recuperare una condizione davvero complessa sotto ogni aspetto. Vi ringrazio anticipatamente.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora,
a fronte del sospetto di una malattia del metabolismo importante come quella che lei nomina non si possono dare consigli di alimentazione generici. Esistono dei protocolli che devono essere applicate a seconda della singola malattia metabolica: è lo specialista curante la figura a cui lei deve riferirsi per avere le indicazioni dietetiche opportune per il suo piccolo Francesco. In un caso come il suo, è fondamentale affidarsi completamente a un centro che si occupi della diagnosi e della cura delle malattie metaboliche in età pediatrica, per essere sicuri di non commettere errori che potrebbero avere conseguenze molto negative sulla salute del suo bambino. Va detto comunque che la diagnosi per il momento non è ancora stata confermata: dobbiamo aspettare l’esito dell’esame per capire se davvero Francesco è interessato dalla malattia che stanno cercando. Mi tenga aggiornato, se lo desidera.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti